SPECIALE VENEZUELA: Un populismo senza popolo

E’ il 31 maggio e in Venezuela da qualche tempo ormai tira sempre la stessa aria. La crisi del regime chavista Venezuelano è ascrivibile a tanti fattori, primo tra tutti la perdita di legittimità e di consenso popolare.Ho letto molti articoli in proposito, e qualche mese fa ne ho scritto uno anche io in cui ho analizzato la crisi del regime venezuelano. Oggi vi propongo un’altra chiave di lettura, non quella delle reti mediatiche ma quella di chi ha fatto dello studio dell’America Latina il suo lavoro, quella del professor Loris Zanatta.

Leggi il seguito

SPECIALE VENEZUELA: Di golpe e di altri demoni. Nuovi tentativi di destabilizzazione in Venezuela

Nelle ultime settimane il Venezuela è tornato prepotentemente al centro della cronaca internazionale a causa delle violente proteste contro il governo di Nicolás Maduro, sprofondato in una crisi irreversibile. I media occidentali, allineati in un atteggiamento di ostinato antagonismo nei confronti del governo venezuelano, continuano ad elargire una narrazione contaminata della realtà, mentre quello a cui stiamo assistendo in Venezuela sembra assumere le sembianze di un vero e proprio “golpe suave” che sta facendosi sempre più duro e deciso nel voler mettere fine al processo rivoluzionario bolivariano.

Leggi il seguito

Russia e Consiglio d’Europa: impegno reale? // Russia and the Council of Europe: genuine committment?

[English Below]La Russia è all’interno del Consiglio d’Europa ormai da più di 20 anni. Ma il suo fu un ingresso strumentale o solo una mossa politica? // Russia has been part of the Council of Europe for 20 years. But its accession was only self-serving or had something genuine?

Leggi il seguito

Dopo il Leviatano: il Potere per Foucault, Schmitt e Canetti

Il Potere non è più un’entità ben definita, superiore. leviatanica; il potere adesso non è più il granitico Leviatano di Hobbes, ma si è “emancipato” con Schmitt, “è sceso dal trono” con Foucault e si è fatto “vuoto e corpo” con Canetti.

Leggi il seguito

Corbyn, la “rivoluzione gentile” che tutti ostacolano

La trasformazione a sinistra del Partito Laburista ha raggiunto il suo apice a poche settimane dal voto. Il leader Jeremy Corbyn trascina i giovani e il balzo nei sondaggi fa tremare i Tories: basterà a riacquistare la fiducia persa nell’ultimo decennio e convincere i cittadini al cambiamento?

Leggi il seguito

Perchè abbiamo bisogno della “bad bank”?

L’Italia non ha ancora trovato soluzione alla crisi del sistema bancario. Fondo Atlante e GACS non bastano per scongiurare il fallimento delle banche in bilico e le possibili ripercussioni sull’economia europea. Per questo Bruxellexs torna a fare pressioni sul nostro paese affinché acceleri il processo di smaltimento dei crediti deteriorati, principale causa del rallentamento della ripresa. Una proposta interessante sembra provenire dai vertici dell’Autorità Bancaria Europea, nonostante l’opposizione di qualche paese finanziariamente più in salute del nostro.

Leggi il seguito

1944, Varsavia combatte sola

Il 1 Agosto 1944 alle ore 17:00 comincia l’insurrezione di Varsavia. Dopo 63 giorni di combattimenti l’eroica resistenza polacca viene piegata: alla fine quasi 20.000 membri dell’Armia Krajowa e 200.000 civili polacchi perdono la vita. Hitler decide di vendicarsi e ordina la distruzione completa della città, che verrà poi minuziosamente ricostruita nell’immediato dopoguerra.

Leggi il seguito

ReuniSID: una scommessa vincente per un campus in fermento

La Reunion AlumniSID è un scommessa vinta su un particolare modo di fare università. Università che non è più stazione delle lezioni, ma diventa vita attiva di campus, risposta all’esigenza, da parte di studenti e non solo, di spazi aperti e costruttivi. L’esigenza di vivere l’università, e non di frequentarla soltanto.

Leggi il seguito