Cosa resta della Rivoluzione d’ottobre?

Il 25 ottobre di cento anni fa Vladimir Il’ic Ul’janov, “Lenin”, guidava i suoi bolscevichi all’assalto del Palazzo d’Inverno facendo tremare governi e teste coronate di mezza Europa che si trovavano ad affrontare l’anno più duro della Grande Guerra.
Cosa resta oggi, un secolo dopo, dell'”Ottobre Rosso”?

Leggi il seguito

Thomas Sankara, il presidente burkinabè

Il 15 ottobre di trent’anni fa veniva ammazzato Thomas Sankara, presidente del Burkina Faso. Governò il paese dal 1983 al 1987 avviando una politica di lotta alla corruzione e alla povertà basata sulla self-reliance. Promosse istruzione, sanità e diritti delle donne, tentò di smantellare i privilegi della classe dirigente. In politica estera fu fautore del panafricanismo e vicino al movimento dei paesi non allineati.

Leggi il seguito

Atlas consiglia: Cowboy Bebop // Le 13 vite e mezzo del capitano Orso Blu

Oggi Atlas lancia un nuovo format: una serie di articoli dove i nostri redattori consiglieranno libri, film, album e opere d’arte ai lettori senza “recensire”, ma condividendo pezzi importanti della loro formazione personale o semplicemente “cose belle”. In questo primo articolo un anime giapponese dalle tinte western/futuristiche e il libro fantasy di uno scrittore tedesco di Amburgo.

Leggi il seguito

ACCADDE OGGI – Salvador Allende presidente: alle origini di un mito politico

Trentasette anni fa, il 24 ottobre 1970, Salvador Allende diventava presidente del Cile. In questo pezzo, Atlas ne delinea la figura, la biografia politica, le circostanze singolari che lo hanno condotto alla massima carica del paese sudamericano, le conseguenze geopolitiche della sua vittoria.

Leggi il seguito

Letters from Burma – Disappointed Expectations

Quello che è sempre stato più a cuore ad Aung San Suu Kyi è il suo popolo e la sua terra, ed ora che lei stessa è stata incaricata dagli stessi cittadini birmani a risollevare le sorti di uno degli stati più poveri di tutto il contenente asiatico, non può permettersi di far ricadere lo stato in un’ennesima crisi che getterebbe definitivamente nel baratro tutta la Birmania.

Leggi il seguito