A brief overview of Japanese trade policy with Yuichi Terada // Una breve panoramica della politica commerciale giapponese con Yuichi Terada

On April 19th 2018, the European Commission issued a press release to announce the end of negotiations for a trade agreement between the European Union and Japan. The final goal of this agreement is the removal of trade barriers and the rejection of protectionism. Within the European Union, Italy has a major role: its commercial and political relations with Japan are extremely profitable. Every year, during the meeting of the IJBG (Italy – Japan Business Group), Italian and Japanese business communities discuss in order to increase reciprocal acknowledge and trade volume between these two countries.

 

To better understand these relations, I interviewed Yuichi Terada, Marketing Executive, specializing in Digital Marketing Brand Management and Start Ups. He worked for both Japanese and global companies such as ANA (Japanese airline), Adidas, COACH, Amazon, Groupon and MetLife. He studied at SDA Bocconi (MBA Program) as an exchange student as part of his Executive MBA program at Keio Business School (KBS). He is currently preparing to start his own business, and he would like to go into politics.

 

First of all, I tried to understand his opinion about Italians.

 

Q: Mr. Terada, which are your impressions about Italians, also in political terms?

A: I made lots of good Italian friends during my exchange program in Milan. I think Italians are very intelligent and diligent. Before studying in Milan, people told me that Italians are always late for everything! However, I learnt that they are not. Italians are friendly and helped me – knowing that I am a foreigner.
I don’t know enough to comment about politics, but I am always concerned about populism and radical parties gaining power to simply blame the current economy and social problems. In particular, I believe Italy is accepting refugees from the Middle East and Africa for humanitarian purposes and I really respect that.

 

Q: Japan and Italy have good relationships, but what do you think politicians should do in order to improve trade relations, and how do these connections affect political relations, in your opinion?

A: My basic understanding is that Japan has a very friendly relationship with Italy. We both cooperate on G7 topics and issues, so let’s consider that as a start.
However, national leaders rarely meet: they – and ministers – should meet on a regular basis to improve trade between the two countries. One thing that I would suggest is to exchange more of the cultural aspect along with the more advanced, innovative technologies and projects, so in other words, look back at our history and into the future to strengthen our relationships, which will naturally improve the volume of trade. Another aspect that we should investigate is the number of travelers to both countries.  Both Japanese import and travelers exceed that of Italy, which means that Japanese are more interested and fond of Italy, but less so from Italians.
We study about the Roman Empire, Renaissance, Fashion, Food, Culture, historical heritage, etc. which is why we are attracted to Italy. Japan needs to stress and explain more about its culture, history, industries, and people, in order to get more people interested in Japan, Japanese products, services, technology and innovations. The trade with China is growing at a much faster pace.
Another thing is that people only visit Tokyo, but should visit Kyoto, Osaka, Hokkaido, Kyushu, and the country sides to better appreciate the landscape and traditional industries. This will provide a richer experience and understanding of Japan. The same thing can be said about Japanese traveling to Italy as well. I really discovered a lot by visiting Italian industries, and also visiting Toscana, Amalfi or Sorrento!

 

 

Q: Mr. Terada, now I would like to talk about governments’ responsibilities. Japanese trade barriers do not allow European firms to be more competitive, and this was one of the main issues of the more recent negotiations between Japan and EU. In your opinion, what the Japanese government should do in order to create a better trade framework for Japan when it comes to import and export?

A: Reduce tariffs, so that we can buy good Italian products for a cheaper price! In other words, we should not be over protective, as that is not what consumers want. Government should only protect some of the industries that need to change and innovate to compete with the rest of the world. Also, we need to learn more about the various industries and businesses around the world.

At the same time, as mentioned earlier, Japan needs to promote its country, history, culture, industries and people. Get more people interested in Japan before the Tokyo Olympics in 2020 and that will be a great game changer.

 

 

Q: And what do you think about Japanese interest rate, is it useful for Japan?

A: It is very low. US is raising the interest rate and from a global market perspective, I believe the Japanese interest rate is too low. I don’t think the companies are investing as much as expected by the Bank of Japan and the Ministry of Finance.

 

 

This brief interview has been very interesting: Italians are seen as reliable trade partners, and when it comes to fashion or food industries, Italians are seen as the best commercial partners! But some barriers still remain, and the most recent international events in East Asia, and the more protectionist US trade policy, should change the perspective of Japan.

 

 

Thanks to Yuichi “Luigi” Terada for his time and for this amazing interview.

 

 

 

 

Il 19 aprile 2018 la Commissione Europea ha rilasciato un comunicato per annunciare la fine delle negoziazioni per un accordo commerciale tra Unione Europea e Giappone. L’obiettivo di questo accordo è la rimozione delle barriere commerciali e il rifiuto del protezionismo. All’interno dell’Unione Europea, l’Italia svolge un ruolo fondamentale: le sue relazioni commerciali e politiche con il Giappone sono estremamente proficue. Ogni anno, durante il summit dell’IJBG (Italy – Japan Business Group), imprese italiane e giapponesi tentano di incrementare la conoscenza reciproca e il volume del commercio tra queste due nazioni.

 

Per capire meglio queste relazioni ho intervistato Yuichi Terada, direttore marketing, specializzato in Digital Marketing Brand Management e Start Up. Ha lavorato per compagnie giapponesi e internazionali come ANA, Adidas, COACH, Amazon, Groupon e MetLife. Ha studiato presso SDA Bocconi (programma MBA) in un programma di scambio la sua università, la Keio Business School. Sta attualmente avviando una sua attività, e vorrebbe entrare in politica.

Innanzitutto, ho cercato di comprendere che opinione avesse degli italiani.

 

D: Signor Terada, quali sono le sue impressioni riguardo agli italiani, anche politicamente parlando?

R: Ho conosciuto tantissimi amici italiani durante il mio programma di scambio a Milano. Credo che gli italiani siano davvero intelligenti e diligenti. Prima di studiare a Milano, la gente mi diceva che gli italiani sono sempre in ritardo! Ma ho imparato che non è così. Gli italiani sono amichevoli e mi hanno aiutato molto, sapendo che ero straniero. Non ne so abbastanza per fare commenti sulla politica, ma sono sempre preoccupato del populismo e dei partiti radicali che guadagnano potere semplicemente accusando i problemi economici e sociali. In particolare, credo che l’Italia stia accettando i rifugiati provenienti dal Medio Oriente e dall’Africa per ragioni umanitarie, e rispetto questa scelta.

 

D: Il Giappone e l’Italia sono in buoni rapporti, ma cosa crede che dovrebbero fare i politici per migliorare le relazioni commerciali tra i due paesi e, secondo lei, in che modo queste relazioni influenzano i rapporti politici?

R: So che il Giappone ha una relazione amichevole con l’Italia. Cooperiamo nelle questioni del G7, quindi consideriamo questo come punto di partenza. Nonostante questo, i leader nazionali si incontrano raramente: i leader – come i ministri – dovrebbero incontrarsi regolarmente per far sì che il commercio tra le due nazioni aumenti. Io suggerirei che lo scambio tra le due avvenisse più sul piano culturale, e che  si scambiassero anche le tecnologie e i progetti più avanzati e innovativi; in altre parole, dovremmo guardare alla nostra storia e al nostro futuro per rafforzare le nostre relazioni, e ciò incrementerebbe naturalmente il volume degli scambi commerciali. Un altro aspetto che dovremmo approfondire è il numero di viaggiatori verso entrambe le nazioni. L’import dall’Italia è più consistente di quanto non lo sia l’import italiano di prodotti giapponesi, e lo stesso vale per i turisti: i giapponesi sono più interessati all’Italia di quanto gli italiani siano interessati al Giappone. Noi studiamo l’Impero Romano, il Rinascimento, la vostra moda, il vostro cibo, la vostra cultura, ed è per questo che siamo attratti dall’Italia. Il Giappone ha invece bisogno di dare più spiegazioni riguardo alla sua cultura, alla sua storia, alle sue industrie e alla sua gente se vuole attirare interesse. Il commercio con la Cina cresce più rapidamente. Inoltre la gente visita solo Tokyo, ma dovrebbe visitare Kyoto, Osaka, Hokkaido, Kyushu e le zone più caratteristiche del Giappone per apprezzarne meglio il paesaggio e le industrie tradizionali. Questo fornirebbe un’esperienza e una conoscenza migliori del Giappone. La stessa cosa può essere detta del turismo giapponese in Italia. Io ho scoperto molte cose visitando le industrie italiane, la Toscana, Amalfi e Sorrento!

 

D: Adesso vorrei parlare delle responsabilità dei governi. Le barriere commerciali giapponesi non permettono alle imprese europee di essere più competitive, e questa è stata una delle maggiori questioni delle più recenti negoziazioni tra Giappone e Unione Europea. Secondo lei, cosa dovrebbe fare il governo per creare un miglior contesto per il Giappone quando si tratta di import ed export?

R: Ridurre le tariffe, così potremmo comprare ottimi prodotti italiani a un prezzo minore! In altre parole, non dovremmo essere eccessivamente protezionisti, poiché non è ciò che i consumatori vogliono. Il governo dovrebbe proteggere solo quelle industrie che hanno bisogno prima di evolversi per competere con il resto del mondo. Inoltre, dovremmo conoscere meglio le industrie e gli affari del resto del mondo.

Allo stesso tempo, come ho detto prima, il Giappone ha bisogno di promuovere la sua nazione, la sua storia, la sua cultura, le sue industrie e la sua gente. Un cambiamento decisivo potrebbe essere attirare più interesse prima delle Olimpiadi di Tokyo del 2020.

 

D: E cosa ne pensa del tasso di interesse giapponese, crede che sia davvero utile per il Giappone?

R: È molto basso. Gli Stati Uniti stanno incrementando il proprio tasso di interesse e, da un punto di vista globale, il tasso giapponese è troppo basso. Non credo che le compagnie stiano investendo in Giappone tanto quanto si aspettavano la Banca del Giappone e il Ministero della Finanza.

 

 

Questa breve intervista è stata davvero interessante: gli italiani sono visti come partner commerciali affidabili e, quando si tratta di moda o cibo siamo visti come i migliori partner commerciali! Ma alcune barriere ancora restano, e i più recenti sviluppi i Asia orientale, e la più protezionista politica commerciale degli Stati Uniti, potrebbero cambiare la prospettiva del Giappone.

 

 

Grazie a Yuichi “Luigi” Terada per il suo tempo e per questa fantastica intervista.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *