Giulia Dolcetti

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei. Quindi: vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore: ciò che vuoi. La vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali. Quindi: canta, ridi, balla, ama e vivi intensamente ogni momento della tua vita, prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi.
Charlie Chaplin

Ferrarese DOC, trapiantata a Forlì per completare gli studi.

Finite le scuole superiori ho deciso di seguire l’istinto iscrivendomi alla facoltà di Lettere e Filosofia di Ferrara. Una volta terminati gli studi triennali, ho dato una connotazione maggiormente definita alla mia formazione attraverso corso magistrale di Mass Media e Politica.

Da dieci anni a questa parte milito all’interno della Contrada San Luca, inserita nel contesto del Palio di Ferrara, dove ho sempre svolto il ruolo di musico. Attualmente ho smesso di praticare qualsiasi attività per dedicarmi totalmente agli studi.

Fin da bambina mi sono dimostrata sia un’accanita lettrice che un’attenta osservatrice del mondo circostante e forse proprio quest’ultima mia qualità, mi ha portato a scegliere questo percorso accademico. La mia famiglia ha avuto un ruolo determinante, soprattutto assecondando le mie decisioni, permettendomi di viaggiare liberamente, eventualmente di sbagliare e successivamente apprendere.

Mi sono sempre interessata alle più varie forme artistiche: musica, pittura, cinema, fotografia hanno  accompagnato la mia crescita, così come anche il mio soprannome:“Banga”, che viene sostituito regolarmente con ciò che è stato scritto all’anagrafe venticinque anni fa.

Indipendente, curiosa e determinata, queste sono le qualità che sicuramente meglio descrivono il mio carattere e l’approccio generale che ho in ogni cosa e che spero di poter dimostrare al meglio all’interno di questo progetto associativo.