Perché ci deve interessare l’incidente di Sidi Bouzid

TUNISIA. Il 27 aprile scorso perdevano la vita in un incidente stradale 12 contadine a Sabbala, nei pressi di Sidi Bouzid. Altri venti le operaie rimaste ferite. Le donne, partite la mattina presto, erano state caricate su un camion e dirette nei campi sui quali avrebbero trascorso la giornata lavorativa.
Questa vecchia e nuova forma di schiavitù, presente ancora oggi nell’entroterra tunisino, interpella anche il consumatore europeo, dal momento che la maggior parte della produzione agricola tunisina è esportata, in primis sulle tavole dell’Unione Europea.

Leggi il seguito

Il volantino della vergogna

“No a donne, mogli e fidanzate nelle prime dieci file della Curva Nord”. È questo il messaggio che un gruppo di tifosi della Lazio, il ‘Direttivo Diabolik Pluto’ ha voluto lasciare a tutti gli altri sostenitori biancocelesti, con un volantino lasciato sui seggiolini proprio della Nord in occasione della prima uscita di campionato contro il Napoli, ‘dettando’ le regole nella parte di curva a loro più cara.

Leggi il seguito

Stiamo tutti bene: fatti essenziali sulla vicenda dell’Aquarius

Siamo arrivati al quarto giorno dai primi sviluppi delle vicende dell’Aquarius, e si sta rischiando di perdere il punto essenziale della questione. La necessità di salvare quelle vite, e non considerarle disponibili nel giocare il ruolo di prova di forza tra paesi europei, dovrebbe essere il motore dell’azione di ciascuno di noi. Ma che cosa ci sta succedendo?

Leggi il seguito

“Non c’è Cuba senza Fidel”: l’eredità di Fidel Castro a un anno dalla sua morte

Il 25 novembre 2016 veniva a mancare il lìder maximo cubano Fidel Castro. Un anno senza Fidel, certo, ma Cuba non si libera del leader. Tuttora l’isola castrista resta vittima del suo nome, della sua personalità e del suo carisma. Qual è l’eredità del Castrismo dal punto di vista politico, economico e sociale?

Leggi il seguito