Usa-Cina: dal Venezuela al 5g, i fronti di una guerra (egemonica)

Esiste un elemento in comune che lega il Venezuela di Maduro, l’isola di Formosa nell’oceano Pacifico e un cellulare della Huawei. Sono tutte battaglie dello scontro globale tra Stati Uniti e Cina, che si avvicina ad una fase chiave del suo sviluppo: una seconda guerra fredda, forse; più probabilmente, un conflitto per l’egemonia mondiale.

Leggi il seguito

I fatti del 2018: Novembre – Dicembre

Novembre negli Stati Uniti: midterm election. Per entrambi i partiti una vittoria mozzata che lascia Trump come un’anatra zoppa. La fisionomia è quella di un Paese estremamente diviso. L’unica vera certezza è che il midterm conferma l’apertura di una nuova fase: un fiammante femminismo progressista.
Dicembre: sono passati due anni dalla vittoria di Trump alle presidenziali e il Tycoon si sta impegnando a mantenere le promesse della campagna elettorale che lo hanno portato al successo, anche in vista della rielezione.

Leggi il seguito

I fatti del 2018: Maggio – Giugno

A maggio, si sono create forti tensioni tra il Presidente della Repubblica e gli esponenti della Lega e del M5s dovute al veto applicato da Sergio Mattarella nei confronti della nomina di Paolo Savona a ministro dell’economia, su proposta di Giuseppe Conte.
A Giugno, l’avvenimento che ha sicuramente riscosso maggiore risonanza mediatica è stato l’incontro tra il Supremo Leader nordcoreano Kim Jong-un ed il presidente statunitense Donald Trump, tenutosi il 12 Giugno nell’isola di Sentosa, a Singapore.

Leggi il seguito

Quel problema trascurabile che è il cambiamento climatico

Il contenuto dell’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) è chiaro: ci restano 12 anni per salvare il mondo dagli effetti dei cambiamenti climatici. Eppure, sembra che a nessuno importi. In Italia non se ne parla nemmeno mentre a livello internazionale si sta facendo l’esatto contrario di quanto stabilito nell’Accordo di Parigi.

Leggi il seguito

I confini danno sicurezza?

“Il confine protegge (o almeno così si spera o si crede) dall’inatteso e dall’imprevedibile: dalle situazioni che ci spaventerebbero, ci paralizzerebbero e ci renderebbero incapaci di agire. Più i confini sono visibili e i segni di demarcazione sono chiari, più sono «ordinati» lo spazio e il tempo all’interno dei quali ci muoviamo. I confini danno sicurezza. Ci permettono di sapere come, dove e quando muoverci. Ci consentono di agire con fiducia.”

Leggi il seguito

[APPROFONDIMENTO] Cosa si diranno Kim Jong-un e Donald Trump a Singapore – Analisi e previsione

Il presidente americano Donald Trump, attraverso il suo celebre profilo Twitter, ha annunciato che avrebbe incontrato il Supremo Leader nordcoreano, il 12 giugno a Singapore, aggiungendo che i due avrebbero cercato di porre le basi per costruire una World Peace.
Nelle prossime righe, vi illustrerò quali sono le posizioni dei due stati e dei due leader, cercando anche di darvi una previsione, ovviamente personale, sul possibile esito dell’incontro.

Leggi il seguito