I fatti del 2018: Settembre – Ottobre

A settembre, ricorre il decimo anniversario dall’inizio della crisi economica del 2008, le cui conseguenze sono ancora visibili al giorno d’oggi, come testimoniato dall’ascesa di partiti di destra in tutta Europa, anche in paesi un tempo insospettabili come la Svezia; a ottobre, l’elezione di Jair Bolsonaro a presidente del Brasile segna un netto punto di svolta nella recente storia politica brasiliana.

Leggi il seguito

Il Brasile di Bolsonaro: cosa succederà?

Lo scorso 28 ottobre, in Brasile si sono chiuse le urne. C’è un solo vincitore: Jair Bolsonaro. Ma chi è Jair Bolsonaro, qual è il suo programma politico, economico e sociale, e come strutturerà il suo mandato? Qualche giorno fa ho avuto modo di intervistare il professore Loris Zanatta e insieme a lui proverò a tracciarvi una panoramica generale e particolare su quanto accaduto in Brasile e su quanto potrebbe accadere in futuro. In questi casi, il condizionale è d’obbligo.

Leggi il seguito

Ai confini del mondo: Nauru, l’isola distrutta dall’uomo dove il 72% della popolazione è obesa

L’isola di Nauru, a nord-est dell’Australia, ha conosciuto nell’ultimo secolo una grande ricchezza, che è stata completamente sprecata in danni economici ed ambientali irreversibili. Al punto che oggi presenta due dati allarmanti: la dominazione quasi-coloniale australiana, e la percentuali di obesi più alta al mondo.

Leggi il seguito

Quando nacque il microcredito: breve storia della Grameen Bank.

Era il 1976 quando nel lontano Bangladesh Muhammad Yunus fondava la prima banca indipendente al mondo esclusivamente per poveri, la Grameen Bank. Basata interamente sul sistema del microcredito, le attività della Grameen risollevarono l’economia bengalese dalla carestia degli anni precedenti e dimostrarono che ridurre la povertà…

Leggi il seguito

Globalizzazione e sovranità: Karl Polanyi e le elezioni italiane

Cosa sta succedendo? Le elezioni del 4 marzo passeranno alla storia come ulteriore tassello di un mosaico in composizione, formato da innumerevoli tessere che rappresentano l’inquietudine e le insicurezze prodotte da una nuova “grande trasformazione” che, negli ultimi 30 anni, ha interessato il mondo: la globalizzazione. Rileggere Karl Polanyi può aiutare a decifrare meglio il nostro tempo.

Leggi il seguito