Apologia del fascismo, come funziona e quando si applica?

I partiti che si ispirano al fascismo commettono un reato? Secondo la Costituzione, è proibito ricostituire il partito fascista, ma proibire anche idee e slogan rischia di entrare in contrasto con l’articolo 21 che garantisce la libertà d’espressione. Attraverso un excursus storico e politico, proviamo a fare chiarezza.

Leggi il seguito

Karl Polanyi e il virus fascista

L’articolo di oggi è un commento a due articoli scritti dal sociologo, antropologo e storico economico ungherese Karl Polanyi, intitolati “Le premesse culturali del fascismo” e “Il virus fascista”, entrambi scritti negli anni 30. In un periodo nel quale si sta riprendendo a parlare di fascismo, è importante riflettere sulla lettura e l’interpretazione della storia di Polanyi. Egli sostiene che ogni tentativo di spiegazione del crollo dell’ordine economico e liberale avvenuto nel 1914 debba partire dal luogo in cui questo ordine è nato. Dunque, “se vogliamo capire il fascismo dobbiamo tornare all’Inghilterra ricardiana”

Leggi il seguito

Cara Italia, ricordati chi sei: Non chiudere le tue porte

Andavano verso l’America, i tuoi figli. Esattamente dove sono io ora. L’America. In tanti, non sono tornati. Oggi, l’America sei tu, cara Italia, per tanti figli di tanti paesi che guardano a te come a un faro di speranza, il punto di approdo per una vita migliore. Non si può chiudere la speranza. Se lo faremo, non saremo dei patrioti migliori. Soltanto, dimostreremo di non volerti bene davvero, perché è l’apertura alla diversità, e non l’orgoglio nazionale, a fare di noi quello che siamo. Veri italiani. Fieri di essere italiani.

Leggi il seguito

Leader del partito e partito del leader, da Mussolini a Salvini

Le elezioni del 4 marzo si prospettano un vero e proprio trionfo della vanità dei leader politici e del loro ego. Ma come è evoluta la figura della leadership in Italia nell’ultimo secolo? Da Mussolini a Salvini, proviamo a fare il punto della situazione.

Leggi il seguito

Jazz e politica in Italia, una storia di contestazioni e conformismo

Disprezzato, bandito, utilizzato come arma diplomatica, fenomeno elitario e di protesta e infine cooptato (per fortuna senza troppo successo) nel discorso politico mainstream, il jazz italiano ha accompagnato con le sue note molta della storia contemporanea italiana.

Leggi il seguito