Quando e come gli scacchi raccontano la Guerra Fredda

Dal dopoguerra fino alla fine della guerra fredda, la supremazia sovietica negli scacchi viene realmente messa in discussione solamente da due giocatori. Il primo, Bobby Fischer, proviene dalla patria nemica, gli Stati Uniti. Il secondo, Viktor Korchnoi, è un traditore colpito dalla damnatio memoriae. In questi incontri, politica e scacchi sono indissolubilmente legati.

Leggi il seguito