Cara Italia, ricordati chi sei: Non chiudere le tue porte

Andavano verso l’America, i tuoi figli. Esattamente dove sono io ora. L’America. In tanti, non sono tornati. Oggi, l’America sei tu, cara Italia, per tanti figli di tanti paesi che guardano a te come a un faro di speranza, il punto di approdo per una vita migliore. Non si può chiudere la speranza. Se lo faremo, non saremo dei patrioti migliori. Soltanto, dimostreremo di non volerti bene davvero, perché è l’apertura alla diversità, e non l’orgoglio nazionale, a fare di noi quello che siamo. Veri italiani. Fieri di essere italiani.

Leggi il seguito

Il dramma della partigiana “Mimma” e il ronzio disturbante del 25 Aprile

C’è un che di fastidioso nei festeggiamenti del 25 Aprile. Un costante ronzio disturbante che l’Italia e gli italiani sopportano da ormai 72 anni. Anche perché abbiamo perso la memoria storica di parole come Liberazione e Resistenza. Attraverso il ricordo di Irma “Mimma” Bandiera, cerchiamo di riempire queste parole – così facili da pronunciare e così difficili da vivere veramente – con persone. Uomini e donne.

Leggi il seguito

Reichlin, una vita a sinistra

Reichlin, scomparso da poco, fu un deputato comunista per oltre sette legislature che smise di credere alla rivoluzione senza mai perdere l’idea di una lotta per cambiare il tessuto sociale del paese, di un avvento delle classi lavoratrici al potere e di una nuova struttura di corpi intermedi che non escludesse nessuno.

Leggi il seguito