Macron e Orbán: tanto diversi eppure tanto simili

in seguito alle veementi e rabbiose manifestazioni che hanno coinvolto tanto Parigi quanto Budapest nelle ultime settimane, un filo conduttore sembra emergere ed avvicinare due paesi e due esponenti politici a prima vista lontanissimi: la protesta sociale, organizzata e fortemente partecipata, che si infiamma dopo riforme economiche spiccatamente orientate a destra all’interno di un quadro caratterizzato da condizioni di vita non soddisfacenti.

Leggi il seguito